Caldaia Vaillant in Blocco dopo Temporale

caldaia vaillant in blocco non parte

Dopo il temporale Caldaia Vaillant in blocco

Un utente ci ha posto la seguente domanda: La mia caldaia Vaillant è andata in blocco dopo un forte temporale, temo ci sia stato un corto circuito.

Il cliente ci ha contattato lamentando il fatto che la sua caldaia Vaillant fosse andata completamente in blocco a seguito di un forte temporale. Il nostro tecnico ha dovuto effettuare un sopralluogo preliminare per valutare la situazione, in maniera da accertare che non ci fossero componenti dell’impianto elettrico ed elettronico fortemente compromessi (scheda madre, sensori, sonde…).

Fortunatamente tutto appariva in buono stato e funzionante, perciò il tecnico è passato alla verifica del gruppo di combustione. Il problema risiedeva proprio qui, dove si era verificato un corto circuito a livello della candela di rilevazione, che è stata sostituita in quanto impossibile da riparare. La causa del guasto non è stata tanto legata ai fulmini, come inizialmente ipotizzato, quanto a un’infiltrazione d’acqua dovuta a un parziale distacco della copertura della caldaia.

Cos’è la candela rilevazione caldaia

La candela di rilevazione o sensore di rilevazione o di fiamma è uno degli elementi essenziali per la sicurezza della caldaia. Il sensore ha infatti il compito di rilevare la presenza della fiamma nel bruciatore. Qualora tale presenza non venga rilevata blocca la fuoriuscita di gas dalle valvole, in maniera da evitare accumuli molto pericolosi all’interno del bruciatore.

Le candelette di rilevazione sono generalmente a ionizzazione, composti da due elettrodi che rilevano la corrente generata a causa della ionizzazione della fiamma. Se non c’è corrente, non c’è fiamma e il sistema si blocca. Sono i più diffusi poiché hanno un costo ridotto, ma sono resistenti nel tempo.

In generale i sensori di rilevazione sono sottoposti a usura e a ossidazione, oppure a causa di scarsa manutenzione all’accumulo di sporcizia. Tutti questi casi provocano il malfunzionamento del sensore e quindi l’impossibilità di rilevare la fiamma, bloccando di fatto l’attività della caldaia. L’ossidazione generalmente riguarda il cavo che collega il sensore, mentre la sporcizia si accumula facilmente sugli elettrodi.

Insieme a molti altri problemi, questo è uno di quelli esemplificativi dell’importanza di una manutenzione della caldaia Vaillant costante nel tempo per evitare spese inutili e che possono essere prevenute. Lo sporco nella caldaia spesso causa gravi malfunzionamenti, che non possono essere risolti semplicemente pulendo le componenti. Anziché trovarsi a dover sostituire pezzi, che costano poco come il sensore di fiamma ma che possono anche avere costi elevati come il bruciatore, è meglio rivolgersi a tecnici seri e affidabili per una manutenzione periodica e attenta dell’impianto.

Potrebbero interessarti anche:

Menu