Pressione Caldaie Ideale

Questo approfondimento fornisce indicazioni utili per gestire la pressione della caldaia: quali sono i parametri da avere a riferimento, come gestire la pressione alta o troppo bassa

come regolare pressione caldaia ideale

Anche se hai comprato un prodotto di una marca importante come Vaillant, alle volte, puoi incappare in qualche problema di confort nella produzione d’acqua calda o nei termosifoni tiepidi. Sbalzi nella pressione delle caldaie possono essere causa di fastidi nel funzionamento, per questo vi consigliamo di tenerla sottocontrollo intervendo, quando necessario, con le seguenti indicazioni.

Pressione Caldaia Ideale: consigli

Quando noti dei problemi nel flusso di acqua calda forse vi sono problemi di pressione caldaia. Se stai avendo problemi a causa di un’emissione d’acqua scarsa (bassa pressione) controlla la pressione osservando il pressometro (manometro con unica lancetta). Nelle caldaie tradizionali ha l’aspetto di un orologio con un’unica lancetta: normalmente è sulla facciata della caldaia e indica i Bar con valori numerici. I valori che permettono un funzionamento regolare dell’impianto sono compresi tra i 0.8 e 1.5. Bar.

Pressione caldaie Bassa: come intervenire

Se noti che la pressione dell’acqua calda è più bassa del minimo, è possibile intervenire per ricaricarla. Nella parte bassa della caldaia è importante individuare il rubinetto di carico dell’acqua che, a seconda del modello, dell’età e della marca della caldaia può essere costiuita da un rubinetto, una valvola, una leva.
E’importante aprirla molto lentamente, il più possibile per evitare che entri l’aria insieme all’acqua. Appena si sentirà flusso dell’acqua scorrere, la lancetta dei Bar inizierà gradualmente a salire.

Tra le cause di pressione bassa possiamo indicare uno scompenso a livello del vaso di espansione, ma anche la presenza di una perdita di acqua a livello di un raccordo o di una delle conponenti nel gruppo acqua. Consigliamo di tenere sotto controllo anche lo scambiatore che può subire perforazioni a causa di accumuli di calcare.

in ultimo, ad incidere sulla pressione può anche essere la presenza di aria nei termosifoni. Per eliminarla è possibile operare facilmente aprendo le valvoline di sfogo dei singoli radiatori. consigliamo di iniziare dal più lontano dalla caldaia, aprendo sempre con lentezza la volava di sfogo che si trova in alto per far uscire l’aria che vi si . Vedrai che uscirà subito dell’aria e poi acqua e aria insieme perché vedrai come degli spruzzi irregolari. Richiudi la valvola solo quando vedrai uscire un flusso d’acqua regolare.

Pressione caldaie alta: come operare

Se, invece, si nota che la pressione della caldaia è alta occorre aprire la valvola di sfogo presente anch’essa sul fondo della caldaia è, generalmente, o una valvola da aprire, o un tubo strozzato che ha una valvola interna e che può essere aperta facendo pressione con un cacciavite. In questo modo, liberete il circuito idraulico della caldaia e l’impianto dall’acqua in eccesso che aumenta la pressione.

Consigli sulla Pressione Caldaie

Anche se può sembrare facile intervenire, per esser certo dell’efficacia e della sicurezza dei tuoi interventi sulla pressione delle caldaie devi avere una conoscenza, anche se minima, del funzionamento della caldaia e delle sue componenti.

Consigliamo di non operare se si è nel dubbio, soprattutto per evitare di eseguire operazioni sbagliate e quindi causare danni anziché risolvere il problema. Quindi contattateci se risiedete a Roma, Milano o nelle zone limitrofe. Vi offriremo subito un appuntamento a domicilio dove sarete supportati da uno dei nostri esperti in assistenza caldaie. Vi aiuterà e consiglierà guidandoti al meglio per ogni problema legato al tuo impianto.

RICHIEDI INTERVENTO

Se il problema persiste affidati ad un esperto

Potrebbero interessarti anche:

Menu