Pressostato aria caldaia

pressostato aria caldaia

Il pressostato aria della caldaia è un componente di sicurezza che consente al bruciatore di accendersi solo l’evacuazione dei fumi della caldaia funziona correttamente. Per tale ragioni il pressostato aria viene spesso definito pressostato fumi.

Come funziona il pressostato aria Caldaia

pressostato aria di una caldaia è un pressostato differenziale, ovvero legge una differenza di pressione tra prima e dopo l’attivazione della ventola di aspirazione. Il pressostato aria si attiva ancor prima dell’accensione della caldaia, se rileva una differenza tra le due pressioni allora lascia che il bruciatore si attivi e la caldaia cominci a funzionare. Nel caso in cui non ci sia differenza oppure la differenza sia inferiore a quella impostata, la caldaia va in blocco, poiché lo scarico dei fumi non funziona come dovrebbe.

Il pressostato aria è composto da due tubicini (detti anche tubi venturi, poiché il loro funzionamento si basa sull’effetto Venturi) trasparenti collegati al tubo di scarico, uno prima della ventola e uno subito dopo, e anche a una scatola che è collegata elettricamente alla scheda elettronica.

Guasti al pressostato della caldaia Vaillant

Essendo il pressostato aria un dispositivo di sicurezza è anche uno dei responsabili del blocco della caldaia. Ogni modello e produttore mostra un codice di errore differente al momento dell’attivazione del blocco a causa del pressostato fumi, bisognerà quindi fare riferimento al libretto di istruzioni.

In generale se il problema è nel pressostato aria occorre fare una pulizia accurata sia del pressostato che dello scarico. Per prima cosa occorre smontare il pressostato, ricordando esattamente come era collegato alla caldaia. Quindi pulire i tubicini fumo e aria, che potrebbero essere ostruiti, e tutte le parti che compongono il pressostato. Soffiare bene al loro interno e se necessario usare l’alcool o un’altra soluzione non corrosiva. A questo punto riattaccare tutto e verificare il funzionamento della caldaia.

Se anche così non si accende e mostra lo stesso errore vuol dire che il problema è proprio lo scarico dei fumi, evidentemente ostruito oppure alcune componenti che determinano il funzionamento del pressostato (la membrana, il microinterruttore o la ventola) potrebbero essere guaste. In tal caso si potrebbe dover procedere con la sostituzione del pressostato o con la pulizia dello scarico dei fumi.

In entrambi i casi è bene rivolgersi alla nostra assistenza caldaie su Roma, per valutare al meglio l’entità del danno e la soluzione più conveniente e adatta per far tornare la caldaia a funzionare in sicurezza.

Potrebbero interessarti anche:

Menu